Benvenuti

Benvenuti nel blog del LABORATORIO ITINERANTE della DECRESCITA di ROMA

sabato 19 dicembre 2009

3° ANNIVERSARIO!


Lunedì 21 dicembre il laboratorio itinerante della decrescita compirà formalmente 3 anni!

Il 21 dicembre 2006 si teneva presso l'ex-mattatoio la festa dell'altraeconomia e con la festa il primo incontro-laboratorio da cui scaturirono connessioni ed energie insperate...!


[ ...continua ]

giovedì 10 dicembre 2009

mercoledì 4 novembre 2009

Foto Bolsena 2009 [2]

Proseguono le foto dal post precedente: gustatevele!



è possibile scaricarle cliccando sopra il collegamento qui sotto, tasto destro del mouse e selezionare "Salva destinazione con nome..."

Per visualizzarle è sufficiente cliccare sul collegamento qui sotto




[Come per le precedenti le foto hanno una dimensione massima di 3MB, ma potrebbe comunque volerci del tempo per vederle o scaricarle]

martedì 3 novembre 2009

Foto Bolsena 2009

Ecco le prime foto:



è possibile scaricarle cliccando sopra il collegamento qui sotto, tasto destro del mouse e selezionare "Salva destinazione con nome..."

Per visualizzarle è sufficiente cliccare sul collegamento




[Le foto hanno una dimensione massima di 3MB, ma potrebbe comunque volerci del tempo per vederle o scaricarle]

PS: stanno per arrivare altre foto!

mercoledì 14 ottobre 2009

LA FINE DEL LIBERISMO



L'ultimo libro di Alberto Castagnola "La Fine del Liberismo" è una guida alla crisi finanziaria che stiamo tuttora attraversando.
Edito da Carta/Intra Moenia, Castagnola ci ricorda che è molto pericoloso dimenticare il passato: un'analisi sulla nostra economia per chi è alla ricerca di soluzioni che non ripropongano i vecchi modelli....



Per maggiori informazioni
--> vedi la recensione del libro <--


Solo alcune delle altre pubblicazioni dell'autore...

Alcuni interventi di Alberto Castagnola con breve biografia: Arcoiris TV

<--->

sabato 26 settembre 2009

BOLSENA 2009

MALTAGLIATI E VECCHI MERLETTI

[***tutte le informazioni***]

Il lavoro manuale ci lega ad una preziosa idea di “fare anima con le cose” e, se attuato con consapevolezza, attiva uno scambio tra noi e il mondo e una manutenzione e cura del Mondo e della Vita; trattare con modalità sensibili e creative i materiali e gli oggetti, “facendo bene”, è capacità personale attraverso la quale possiamo veicolare la percezione del bello: le cose diventano uniche come noi siamo perché agiamo con intento nella ricerca delle nostre molte possibilita’.


Dal 9 all'11 ottobre 2009

nel magico Convento Santa Maria del Giglio

di BOLSENA

ospiti dell'Associazione PUNTI DI VISTA

UN WEEKEND DEDICATO A SAPERI E SAPORI

PERCHE’ LE MANI SONO LEGAMI D’INTIMITA’…

Il costo per Bolsena 2009 è di 70 euro a persona

a copertura delle spese per alloggio, vitto e laboratori,

escluse le spese di viaggio

È necessario prenotare entro il 25 settembre

scrivendo a laboratorioitinerantedecr@gmail.com

INFO


Come si svolgerà il weekend

Vi aspettiamo

venerdì a Bolsena a partire dalle ore 18

e ci salutiamo alle 15.30 di domenica …

i due laboratori Maltagliati e Vecchi Merletti si svolgeranno in parallelo tra sabato e domenica intervallati da pranzo e riposino




Maltagliati …

nella vecchia cucina del convento gli “impiastricciatori” daranno sfogo alle mani impastando fettuccine maltagliati e ravioli. Lavoreremo con le nostre mani sapienti e uniche la materia, assaporando la potenzialità di un atto sensuale, finalmente in un tempo liberato dal consumo e dedicato alla relazione.



… Vecchi merletti

nel chiostro del convento si darà sfogo alla propria fantasia, riscoprendo la creatività innata e l’abilità delle mani. Da una vecchia stoffa, tenda, tovaglia… voilà, daremo vita a gonne/borse che faremo sfilare alla fine, inaugurando insieme la loro “rinascita”.


Tutti insieme sabato pomeriggio daremo un

OCCHIO ALL'ETICHETTA

laboratorio giocoso col quale punteremo una lente sulle etichette alimentari


Informazioni logistiche e cosa portare per Bolsena 2009

Cibo e dormire


per la cena di venerdì ognuno porta qualcosa di già pronto da casa.



la spesa per il laboratorio “Maltagliati” e per i pasti di sabato e domenica verrà fatta dal gruppo decrescita e sarà a base di prodotti bio locali o del commercio equo e solidale



chiunque ha esigenze alimentari particolari è invitato a segnalarlo al momento della prenotazione



le camere sono da due a quattro posti e i bagni sono in comune



portare lenzuola, asciugamani e tovagliolo


Per i laboratori



per i “Maltagliati” è necessario portare mattarello e grembiule … il gruppo decrescita fornirà gli ingredienti


… per “Vecchi Merletti” è necessario portare stoffe, aghi, spille, fili … il gruppo decrescita mette a disposizione macchina da cucire, tavola da stiro e manichino


Trasporti

al momento della prenotazione siete invitati a segnalare se venite in macchina o se venite in treno, se cercate un passaggio in macchina… o se siete indecisi!


se venite in treno la stazione consigliata è Orvieto dove è necessario venirvi a prendere, quindi segnalate quanti siete ad arrivare con il treno e a che ora arrivate


altrimenti si possono organizzare gruppi di macchine con il principio del car-sharing quindi…


se venite in macchina segnalate quante altre persone potete portare con voi, da quale zona partite e se avete esigenze particolari di orario per andata e ritorno


se cercate un passaggio in macchina segnalate per quante persone, da che zona partite e se avete esigenze particolari di orario per andata e ritorno.

venerdì 25 settembre 2009

OVER SHOOT DAY

Il 25 settembre 2009 è il giorno dell’Earth Overshoot ovvero il giorno in cui il nostro consumo di risorse naturali sorpassa la produzione naturale annua della Terra...
per approfondimenti... --> link:
1) trattinobasso.com
2) retelilliput.org
3) globalfootprint network (it)

sabato 12 settembre 2009

sabato 1 agosto 2009

ORVINIO: PROGRAMMA CAMPO DECRESCITA 2009


[clicca sull'immagine per ingrandirla]

Dal 6 al 12 settembre ad Orvinio (Ri), nel Parco Regionale dei Monti Lucretili

Con esponenti del mondo della decrescita e della nonviolenza per riflettere, confrontarsi, progettare; lavori di gruppo, escursioni guidate e piccoli laboratori pratici nellincantevole contesto naturalistico dei monti Lucretili.
Un campo per scambiare esperienze di
resistenza e buone pratiche, e per costruire nuove vie tra politica, azione e relazioni personali.

PER ISCRIZIONI, INFORMAZIONI E DETTAGLI:
decrescita09@gmail.it

tel. 3286250095

Pernottamento:
presso il Soggiorno S. Michele (località Pratarella, a 3 km da Orvinio)
in camere doppie o singole (con bagno interno)
o camerate comuni da 24 letti.

Costi:
posto letto in camerata: 250 euro a persona
posto letto in camera doppia o singola: 320 euro a persona.

Per residenti nei comuni del Parco il costo per la partecipazione al campo senza pernottamento sarà di 120 euro a persona.

Il campo è organizzato da:

Associazione per la decrescita

Ente Parco naturale regionale dei monti Lucretili

Consorzio della Città dell'Altra Economia (CAE)

Bottega artistica di Orvinio “IL tocco delle Mani”

giovedì 30 luglio 2009

Cosa abbiamo fatto in questi anni...

Resoconto delle attività svolte finora: un breve elenco con le principali attività di questi anni.
Le proponiamo in successione temporale assieme ai link degli amici che ci hanno ospitato e con cui abbiamo lavorato assieme.


21 dicembre 2006 “Laboratorio della decrescita”
giocando immaginiamo una definizione
FESTA ALTRA ECONOMIA – Roma
17-20 Mattatorio – Testaccio
www.altraeconomiaroma.org
__________________________________________________

6 gennaio 2007 “Giochiamo alla decrescita”
FESTA ALTRA ECONOMIA – Fonte Nuova
17-18 Piazza delle Rose, Santa Lucia
www.altraeconomiaroma.org
www.retecosol.org

____________________________________________________

10 maggio 2007 “La seduzione autoritaria del PIL: se lo conosci lo eviti?”
Casa Pace – Roma
19 – 21 Viale Trastevere 66
www.carta.org
____________________________________________________
15 luglio 2007 “Le mani in pasta quanto basta”
Casale Podere Rosa – Roma
17 - 20
www.carta.org


____________________________________________________

23 settembre 2007 “disegniamo la decrescita”
DOMENICA ECOLOGICA – MUNICIPIO XII – Roma
11-13 Viale Europa
www.ilnaufragarmedolce.it
____________________________________________________

23 settembre 2007 FIERA NAZIONALE DELL’EDITORIA DELLA PACE DI ROMA
Una idea da mangiare: la sfida della decrescita
Una ipotesi di laboratorio di decrescita: metodologie
18 - 20 Parco Meda, via Filippo Meda 140, metro B fermata Monti Tiburtini
www.editoriadellapace.org

______________________________________________________

16 dicembre 2007 “La seduzione autoritaria del PIL: se lo conosci lo eviti?”
CITTA’ ALTRA ECONOMIA
FESTA REGIONALE DELL’ALTRAECONOMIA
11,30 – 13 Largo Dino Frisullo Roma

______________________________________________________


dal 21 aprile al 9 giugno 2008 “Laboratori della decrescita”
tre incontri alla Bottega "Equociquà"
Via Divisione Torino 53

_________________________________________________

dal 8 aprile al 27 maggio 2008 “Laboratori della decrescita”
quattro incontri all'UNIVERSITA’ CATTOLICA GEMELLI
Gruppo studentesco “Sognatori in Cantiere
Policlinico Aula 702

_________________________________________________


16 – 17 – 18 maggio 2008
"MALTAGLIATI E VECCHI MERLETTI"
OSPITI DELL’ASSOCIAZIONE PUNTI DI VISTA
NEL MAGICO CONVENTO DI BOLSENA
www.carta.org
www.equociqua.it
______________________________________________________

Dal 25 al 31 agosto 2008
“SARA’ PER AMORE O NON SARA’”
CAMPO ESTIVO DELLA DECRESCITA 2008
PARCO REGIONALE DEI LUCRETILIOrvinio (RI)
Il Laboratorio Itinerante della Decrescita con
Ente Parco Naturale dei Lucretili - Consorzio della Città dell’Altraeconomia - Bottega artistica di Orvinio – “Tocco delle Mani” - Cooperativa “EQUOCIQUA’”Commercio Equo e Solidale - Associazione per la decrescita
www.carta.org
______________________________________________________

17 – 18 – 19 ottobre 2008
“MALTAGLIATI E VECCHI MERLETTI”
Seconda edizione
OSPITI DELL’ASSOCIAZIONE PUNTI DI VISTA
NEL MAGICO CONVENTO DI BOLSENA
www.carta.org
www.equociqua.it
______________________________________________________


13 dicembre 2008 “WALL STREET”
CITTA’ ALTRA ECONOMIA
FESTA REGIONALE DELL’ALTRAECONOMIA
16 – 18 Largo Dino Frisullo Roma
www.cittadellaltraeconomia.org
www.carta.org
www.equociqua.it
______________________________________________________

15 marzo 2009 “Mani in pasta”
CITTA’ ALTRA ECONOMIA
ALTRA DOMENICA – Ristorazione Biologica
16 – 18 Largo Dino Frisullo Roma
www.cittadellaltraeconomia.org
www.carta.org
www.equociqua.it
______________________________________________________

22 marzo 2009 “Mani in pasta”
RETI DI PACE
www.carta.org
www.equociqua.it
______________________________________________________

19 APRILE 2009 "vecchi merletti”
CITTA’ ALTRA ECONOMIA
ALTRA DOMENICA – “nulla si distrugge, tutto si riusa”
11,30 -13 Largo Dino Frisullo Roma
www.cittadellaltraeconomia.org
www.carta.org
www.equociqua.it

______________________________________________________

25 maggio 2009 “WALL STREET”
UNIVERSITA’ LA CATTOLICA GEMELLI
Gruppo studentesco “Sognatori in Cantiere”
Policlinico Aula 702
______________________________________________________

PROSSIMO APPUNTAMENTO – Non c’è due senza tre
Edizione “maltagliati e vecchi merletti” con laboratorio “occhio all’etichetta”
OSPITI DELL’ASSOCIAZIONE PUNTI DI VISTA
NEL MAGICO CONVENTO DI BOLSENA
www.equociqua.it

domenica 12 luglio 2009

ORVINIO: CAMPO DECRESCITA 2009



CAMPO ESTIVO SULLA DECRESCITA 2009


Dal 6 al 12 settembre ad Orvinio (Ri), nel Parco Regionale dei Monti Lucretili

Con esponenti del mondo della decrescita e della nonviolenza per riflettere, confrontarsi, progettare; lavori di gruppo, escursioni guidate e piccoli laboratori pratici nellincantevole contesto naturalistico dei monti Lucretili.
Un campo per scambiare esperienze di
resistenza e buone pratiche, e per costruire nuove vie tra politica, azione e relazioni personali.

PER ISCRIZIONI, INFORMAZIONI E DETTAGLI:
decrescita09@gmail.it

tel. 3286250095

Pernottamento:
presso il Soggiorno S. Michele (località Pratarella, a 3 km da Orvinio)
in camere doppie o singole (con bagno interno)
o camerate comuni da 24 letti.

Costi:
posto letto in camerata: 250 euro a persona
posto letto in camera doppia o singola: 320 euro a persona.

Per residenti nei comuni del Parco il costo per la partecipazione al campo senza pernottamento sarà di 120 euro a persona.

Il campo è organizzato da:

Associazione per la decrescita

Ente Parco naturale regionale dei monti Lucretili

Consorzio della Città dell'Altra Economia (CAE)

Bottega artistica di Orvinio “IL tocco delle Mani”

giovedì 2 luglio 2009

ASPETTANDO BOLSENA 2009 [3a edizione]


Terza edizione dei “Maltagliati e vecchi merletti” al Convento di Bolsena (9-10-11 ottobre 2009).

Ci riapproprieremo di gesti semplici, riscopriremo sapori e saperi: fare la pasta, il pane, far vivere una nuova vita ai nostri vestiti ….

Muovendo le mani ridiventeremo tutti nuovi artigiani della nostra realtà.


Le nostre mani “creano il mondo” e lo modellano secondo una differente visione, dalle nostre mani passa la costruzione di un mondo variegato, bello, differente che contrasta e inverte “l’entropia consumistica”.
La mano è una delle parti più sensibili e complesse del nostro corpo, quella che tutti gli strumenti tecnologici atti alla manutenzione o alla manipolazione cercano di imitare o potenziare …… imparare ad avere mani così creative ci avvicina alla Vita e ci può fare riflettere su come noi possiamo mettere a servizio delle forme e dell’armonia la nostra preziosa unicità.

Si tratta di una azione rivoluzionaria!
Un tempo di qualità da passare allegramente e consapevolmente. Una proposta di esperienza che scardina i meccanismi automatici e crea un tempo nuovo… è una modalità di re-esistenza alla società della crescita.

lunedì 29 giugno 2009

VIVA LA DECRESCITA

Apprendiamo con piacere che il 18 Giugno 2009 Adriano Bono, cantante del gruppo romano Radici Nel Cemento, ha presentato il suo brano musicale VIVA LA DECRESCITA.


La canzone VIVA LA DECRESCITA si può ascoltare all'indirizzo web: www.myspace.com/adrianobono


La canzone affronta temi importanti come crisi economica e la “decrescita” viene intesa come alternativa, necessaria e realizzabile, alla civiltà dei consumi e della crescita illimitata, che fa perno invece su un concetto di sviluppo economico a oltranza e a “tutti i costi”.


L'autore ci tiene a sottolineare che il brano è autoprodotto e viene distribuito e promosso con un metodo minimale e autarchico.

I più attenti hanno già notato alcune imprecisioni del testo rispetto agli "assunti decrescenti", primo fra tutti il riferimento allo sviluppo sostenibile, parola magica nel nome della quale troppi errori sono stati commessi e si stanno commettendo, ma non si può negare che il pezzo vuole manifestare e condividere valori come la solidarietà, l’equità, la socialità e il rispetto per l’ambiente con un approccio ironico e scanzonato.

LA CRISI GLOBALE E LA RISPOSTA DELLA DECRESCITA

Pubblichiamo in forma integrale il Documento di sintesi-verbale dei lavori della giornata di riflessione e di laboratorio tra attori politico-sociali che si è tenuta a Firenze, alla Fortezza da Basso in occasione della manifestazione "Terra Futura" il 31 maggio 2009. Per maggiori informazioni www.decrescita.it



La mattinata è stata introdotta da due relazioni:

§ di Mauro Bonaiuti, sulle connessioni tra le diverse dimensioni della crisi (economica, sociale, ecologica)

§ di Marco Deriu, sul nesso tra le forme e i contenuti della politica, presentando in particolare la proposta di dare vita ad un nuovo soggetto politico a livello nazionale.

Nella stessa sessione si sono anche svolte le relazioni di:

§ Gianni Tamino

§ Ugo Bardi

§ Edoardo Salzano

§ Andrea Fasullo

(di cui faremo circolare al più presto i relativi documenti di riferimento).

Il pomeriggio è stato dedicato ad un confronto di gruppo sui temi emersi dalla mattinata e l'incontro si è concluso con una tavola rotonda condotta da Andrea di Stefano (Valori), Pietro Raitano (Altreconomia), Gigi Sullo (Carta).

La discussione si è sviluppata lungo due binari: l’approfondimento delle problematiche connesse alla crisi economica ed alle sue origini e l’esplorazione a più voci sul cosa fare, qui ed ora, per individuare strategie ed azioni concrete di medio e lungo termine, capaci di accompagnare/favorire il processo di transizione verso la società equa e sostenibile ipotizzata dalle politiche della decrescita.

Il documento che segue corrisponde ad una estrema sintesi delle problematiche affrontate, riorganizzate per grandi aree a partire dalle due relazioni introduttive, arricchite dai principali contributi emersi dalle altre relazioni e dal dibattito, come indicato di seguito:

1. CRISI MULTIDIMENSIONALE E PROCESSI DI LUNGO PERIODO

a. Crescita economica e crisi ambientale

b. Crescita e ingiustizia sociale

c. Dissoluzione dei legami sociali e frammentazione dell'immaginario collettivo

d. La colonizzazione mediatica

2. LA CRISI ATTUALE E L'IPOTESI DEL COLLASSO

a. La crisi economica in atto e i rimedi tradizionali

b. La teoria del collasso

3. COSA FARE QUI ED ORA PER AVVIARE IL PROCESSO DI TRANSIZIONE

a. Inadeguatezza delle forze politiche e nuovi conflitti sociali non ancora rappresentati

b. Crisi ciclica o crisi di sistema?

c. Quale decrescita?

d. Città e territorio: beni comuni

e. Verso un nuovo progetto di società a partire dalla riconversione energetica

4. PERCHÉ DOTARSI DI UN NUOVO SOGGETTO POLITICO

a. Accelerare il processo di transizione verso una società equa e sostenibile

b. Quale soggetto politico

c. Una nuova immagine/identità verso un immaginario collettivo condivisibile

d. Perplessità emerse

5. PROPOSTE OPERATIVE A TEMPI BREVI

1. CRISI MULTIDIMENSIONALE E PROCESSI DI LUNGO PERIODO

Per quanto gli economisti e gli esperti delle istituzioni internazionali non abbiano saputo dire nulla sull'avvento della crisi in atto, la loro ricetta per uscirne è unanime: ritornare alla crescita economica. È questa la risposta adeguata? Per comprendere la crisi attuale occorre tentare di inserirla nel contesto di alcuni processi fondamentali di tempo lungo che comprendono almeno quattro dimensioni: economica, ecologica, sociale e culturale (o immaginaria).

Emerge con chiarezza che è proprio la crescita economica all’origine dei processi degenerativi individuati a questi diversi livelli. Quella crescita economica avutasi a partire dal processo di industrializzazione (1820) caratterizzata da una velocità di espansione ignota ai periodi precedenti e che ha portato ad una progressiva diffusione del mercato come modello dominante di scambio sociale.

Crescita economica e crisi ambientale

La crescita economica è alla radice della crisi ambientale. Le attività umane stanno cambiando l'ambiente del nostro pianeta in modo profondo e in alcuni casi irreversibile. In soli due secoli l’uomo ha radicalmente modificato il flusso di energia sul pianeta, bruciando combustibili fossili accumulati nel corso di molti milioni di anni e accumulando quantità crescenti di rifiuti e di inquinanti incompatibili con i cicli biogeochimici. Stime attendibili dicono che con un limitato aumento dei consumi del 2% annuo, tutte le risorse energetiche già accertate si esaurirebbero nel 2050. Abbiamo ormai raggiunto il picco nella produzione di petrolio (vedi dati Aspo) inoltre, con la riduzione della disponibilità delle materie prime fondamentali, i prezzi aumenteranno, mettendo in discussione le stesse capacità accumulative del sistema.

Crescita ed ingiustizia sociale

Il processo di crescita/accumulazione/innovazione segue una logica auto-accrescitiva che aumenta il livello della produttività e premia operatori e contesti socioeconomici più efficienti e competitivi, concentrando una ricchezza straordinaria nelle parti più sviluppate del mondo. I dati in nostro possesso confermano che è questo modello di sviluppo accelerato e a macchia di leopardo, che destina il pianeta ad una polarizzazione crescente tra paesi ed aree sempre più ricche (quelle ad alto sviluppo economico) e paesi ed aree sempre più povere (quelle a basso sviluppo).

La polarizzazione dei redditi (1% più ricco possiede più del 57% più povero), fonte di ingiustizia globale, genera – sopratutto nel Sud del mondo - conflitti che si vanno a sommare a quelli legati allo sfruttamento delle risorse. Nel Nord del pianeta tuttavia, nonostante la forte crisi economica, paragonabile a quella degli anni Trenta, la reazione della società appare per il momento molto al di sotto di quella che ci si potrebbe aspettare, quantomeno sulla base di una lettura di tipo marxista. Una prima motivazione la possiamo trovare nel fatto che nel nord ricco il calo dei redditi è in parte compensato dai risparmi accumulati, che fungono da ammortizzatore sociale. Tuttavia per capire la scarsa reattività sociale dobbiamo volgere la nostra attenzione sopratutto alle trasformazioni della società e dell'immaginario collettivo.

La dissoluzione dei legami sociali e la frammentazione dell’immaginario collettivo

La modernità ha comportato l'estensione della logica di mercato, centrata su relazioni di tipo impersonale e mercificato. Questo ha comportato l’avvio di un processo di progressiva dissoluzione dei legami sociali (ben argomentato dalla linea di ricerca Mauss, Malinowski, Polanyi) che si esprime oggi sotto forma di liquidità sociale (Bauman).

Con l'avvento della società post-moderna e la fine delle “grandi narrazioni” si assiste inoltre ad un processo di progressiva frammentazione dell’immaginario collettivo, sostenuto - oltre che dalla dissoluzione dei legami sociali - da altri processi:

- il passaggio ad un sistema di produzione post-fordista (D. Harvey); in particolare la scomparsa della fabbrica (come luogo di produzione/relazione) la progressiva finanziarizzazione dell'economia , la flessibilità del mercato del lavoro, il precariato, ecc.

- il moltiplicarsi del numero e della varietà degli oggetti che ci circondano che consente la moltiplicazione all'infinito dei possibili universi di senso, incomunicanti e frammentati, sottraendo tempo/attenzione/intelligenza/risorse alle relazioni interpersonali necessarie alla costruzione di rappresentazioni condivise.

La graduale perdita di un orizzonte di senso condiviso - ad oggi - risulta l’ostacolo più evidente al coagularsi di un progetto alternativo al sistema dominante.

La colonizzazione mediatica

Da questo possiamo forse concludere che non esiste un immaginario dominante? La risposta è senz'altro negativa. Nel contesto della società liquida pochi attori economici si sono impossessati del controllo del sistema mediatico, sfruttandone la sua potente capacità di colonizzazione, creando così un immaginario collettivo funzionale alla accumulazione capitalistica: l’immaginario consumista, unico collante condiviso, di fronte ad una miriade di stimoli/occasioni/miraggi/ricatti, offerti dal sistema dominante.

2. LA CRISI ATTUALE E L'IPOTESI DEL COLLASSO

La crisi economica in atto e i rimedi tradizionali

Quanto detto ci aiuta a comprendere la crisi attuale? La crisi ecologica, in particolare l'aumento della domanda di energia, ha portato il prezzo del barile a superare i 140 $ nel luglio 2008. L'elevato prezzo del petrolio avrebbe, secondo alcune attendibili analisi, innescato la riduzione delle aspettative di profitto nel mercato americano, facendo esplodere la bolla speculativa. La crisi finanziaria si è presto tramutata nella crisi economica (reale) che abbiamo sotto gli occhi (disoccupazione, riduzione dei redditi, ecc.).

Come la società ha reagito alla crisi? Le reazioni alla crisi si rivelano in genere simili a quelle che si ebbero alla fine del XIX secolo al termine del primo grande processo di globalizzazione descritto da Polanyi (tensioni protezionistiche, difesa delle banche e dei grandi gruppi e soprattutto intervento protettivo dello Stato nazione), anche in questo caso, in modo largamente indipendentemente dalle ideologie di riferimento dei singoli governi.

La capacità di risposta autonoma della società appare oggi ulteriormente indebolita dai processi di dissoluzione dei legami sociali e di frammentazione dell'immaginario collettivo. Si comprendono in questa prospettiva le spinte a demandare l'intervento unicamente all'autorità degli Stati e delle Banche Centrali e, nel contesto italiano, la crescente legittimazione che incontrano prassi di governo di tipo carismatico e autoritario. Ma è possibile una lettura in qualche modo unitaria delle varie dimensioni della crisi?

La teoria del collasso

Interessante, in questa chiave, la teoria del collasso delle società complesse di J. Tainter. Nata dall’osservazione del declino delle più importanti civiltà della storia (Impero romano, civiltà Maja, isola di Pasqua ed altre) sostiene che quando le strutture economico sociali superano una certa soglia di complessità, i benefici della complessità iniziano a decrescere rapidamente e vengono ben presto a essere superati dai costi, portando la società stessa al collasso.

Tale ipotesi sembra confermata in particolare in un contesto caratterizzato da risorse limitate. Il sistema cerca di rimanere per quanto possibile in omeostasi, senza cambiare. Il sistema politico, in particolare, cerca di bloccare le trasformazioni per mantenere gli equilibri attuali, ma anche l’omeostasi ha dei limiti fisici precisi, superati i quali il sistema crolla (U. Bardi). Alla luce dei trend descritti il collasso sembra lo scenario più probabile, benché non si disponga, anche per la mancanza di ricerche in merito, di evidenze empiriche sufficienti a trarre conclusioni.

Tuttavia è possibile concludere che le risposte tradizionali basate sul rilancio della crescita - in particolare attraverso l'intervento della Stato - possono costituire, nella migliore delle ipotesi (il keynesismo verde della obamaeconomics), nulla più che una risposta di emergenza. Nel tempo lungo ogni modello basato sul rilancio della crescita non può che condurre ad aggravare ulteriormente le cause profonde della crisi.

3. COSA FARE “QUI E ORA” PER AVVIARE Il PROCESSO DI TRANSIZIONE

Inadeguatezza delle forze politiche e nuovi conflitti sociali non ancora rappresentati

Viene presentata una chiave di lettura sul perché le attuali formazioni politiche non siano in grado di rappresentare le problematiche attuali. Le strutture dei partiti si sono storicamente formate intorno a conflitti centrati su quattro tipi di opposizione: centro/periferia; stato/chiesa; città/campagna; capitale/lavoro. Queste dinamiche sociali non spiegano i conflitti attuali, centrati invece su di una nuova frattura, legata alla globalizzazione, alle forme dei mercati ed alla molteplicità delle realtà culturali e territoriali: movimenti migratori, società interculturale, differenze culturali, non rientrano infatti nelle proposte dei partiti, né nelle azioni dei governi. Un dato di rilievo che allontana la presa di coscienza dei fenomeni in corso, è che la nuova frattura taglia trasversalmente tutte le strutture economico/sociali e le stesse forze politiche, che sono quindi in difficoltà a leggere ed interpretare queste nuove realtà, da cui loro stesse sono attraversate.

Crisi ciclica o crisi di sistema?

Resta aperta la domanda se il sistema capitalistico sia o no in grado di rilanciare una ripresa dell’economia a tempi lunghi, oppure ci troviamo di fronte ad un primo segnale di crisi di sistema. E' probabile che la ripresa nel lungo periodo (prossimi 20-30 anni) non sia possibile, proprio per il sensibile aumento dei costi necessari per alimentare il processo di produzione (essenzialmente: costo del lavoro, delle materie prime/energia e dell’apparato statal-militare e dunque delle tasse) determinando così la fine del modo di produzione capitalistico (Wallerstein).

Quale decrescita?

Per chi segue queste tematiche è ormai chiaro che parlare di decrescita non significa ipotizzare una riduzione dell'occupazione, o tanto meno del benessere, quanto piuttosto pensare ad un nuovo progetto di società, ad un nuovo immaginario, cimentandosi al tempo stesso con nuovi modi del vivere e del lavorare e dotandosi di uno sguardo di insieme che riparta dal bene comune. In altre parole, ciò che caratterizza il progetto di società della decrescita è il desiderio di costruire un nuovo orizzonte di senso condiviso attorno alle parole chiave della sostenibilità, dell'equità e dell'autonomia.

Città e territorio: beni comuni

Si rileva che sia stato un grave errore avere dimenticato quanto sia fondamentale il conflitto tra interesse comune ed interessi meramente economici. In quest’ottica sia il territorio che la pianificazione territoriale vanno considerati beni comuni; e in particolare la seconda va pensata come uno strumento per immaginare/orientare/qualificare/accogliere lo sviluppo della società, attraverso un lavoro di coordinamento complessivo tra le varie esigenze sociali. Questo perché l’organizzazione della città e del territorio condizionano pesantemente costi, tempi e relazioni della vita quotidiana.

Verso un nuovo progetto di società a partire dalla riconversione energetica

Esistono già ambiti di analisi condivisa tra i diversi attori che, non solo nel nostro paese, ragionano sulla società di decrescita, e sono già state sperimentate una grande quantità di singole azioni, buone pratiche e progetti, e possiamo dire che finalmente non sono più solo di “nicchia” (anche se politica continua ad ignorarle). Il problema è come riuscire valorizzarle e diffonderle, farle circolare, metterle in rete: Forse nella situazione attuale potremmo iniziare questo lavoro di diffusione/cambiamento generalizzato partendo dall’invito ad attuare una riconversione energetica consapevole, che coinvolga le realtà locali e che consenta di costruire concretamente sul territorio proposte alternative, centrate su problemi di interesse generale. Un lavoro che permetta di tenere insieme le molte esperienze positive emerse, le liberi dal rischio di essere ancora e sempre autoreferenziali e riesca a coinvolgere sempre più all’azione le persone che svolgono il ruolo di gruppo dirigente del nostro paese, insieme a quelle centinaia di migliaia di piccoli investitori che operano sul territorio.

Alcune indicazioni per evitare il collasso emerse dal dibattito:

§ ridurre il consumo di materia riciclandola e utilizzare come fonte di energia il sole o comunque fonti di energia rinnovabili da questo derivate: acqua, vento, ecc.; utilizzare processi produttivi ciclici, senza produzione di rifiuti; evitando le combustioni (G. Tamino). Un’ampia dematerializzazione dell’economia sembra tecnologicamente alla portata dell’umanità moderna, ma le comunità non dispongono di alcun controllo sulle relative tecnologie;

§ proporre un processo complessivo di trasformazione (a partire dalla valutazione dell’insieme delle risorse presenti sul pianeta in rapporto al consumo attuale) che precisi un tetto complessivo sostenibile, dal livello mondiale e regionale alla definizione di una “quota personale di riferimento”: in questo modo si riuscirebbe anche a recuperare una visione politica del problema dei consumi, attraverso la quale il singolo si consideri e agisca come parte di una comunità;

§ passare da una pianificazione grigia (generalizzata) ad una pianificazione regionale a mosaico, riconoscendo le esigenze della comunità ma rapportandole alle risorse reali e cercando di individuare le soluzioni più adatte a raccordare comunità/territorio/risorse/cultura;

§ affrontare il problema dell’alimentazione: nel mondo ci sono mezzo milione di persone che mangiano in eccesso, con punte di obesità diffuse, e un miliardo di persone che non si nutrono a sufficienza, tanto da morirne. Se non si fa subito qualcosa saremo di fronte a carestie spaventose. Deve essere compiuto - a livello planetario - un lavoro di approfondimento/valorizzazione delle risorse alimentari territoriali, capace di favorire in ogni regione l’autosufficienza alimentare e di liberare le differenti realtà socio/economiche dai ricatti delle multinazionali;

§ non si deve poi dimenticare che la vera causa della fame è la povertà: la produzione globale di cibo sarebbe già oggi sufficiente per gli oltre i sei miliardi di abitanti della Terra, ma il cibo è distribuito in modo non equo e la sicurezza alimentare non si può raggiungere se poche multinazionali hanno il controllo del settore agroalimentare mondiale; l’aggressività commerciale di queste aziende - prima concentrata sul controllo delle sostanze chimiche impiegate in agricoltura e ora rivolta al controllo delle risorse genetiche e delle sementi, grazie anche ai prodotti transgenici e ai brevetti biotecnologici – fa sì che essere dirigano buona parte della produzione mondiale, riducendo contemporaneamente quella biodiversità agricola che garantiva il cibo ai paesi in via di sviluppo.

4. PERCHÉ DOTARSI DI UN NUOVO SOGGETTO POLITICO

La pericolosità del momento è grande. È necessario tenere sotto controllo i tempi dell’azione politica, perché la crisi ecologica e climatica non ci danno molto tempo (si pensi al riscaldamento globale, all’esaurimento delle risorse, alla perdita di biodiversità ecc.) e le scelte che compiamo oggi avranno profonde ricadute per tempi assai lunghi.

Accelerare il processo di transizione verso una società equa e sostenibile

Per uscire dalla crisi è necessario dar vita a nuove forme sociali e reinventare lo spazio pubblico e le istituzioni politiche che lo regolano. Non si tratta semplicemente di imporre nuovi temi e istanze alle forze politiche attuali, e nemmeno di aggiungere una nuova forza politica allo spazio politico esistente. Come è stato notato da Stein Rokkan l’attuale sistema politico, in Europa come in Italia, si è strutturato storicamente attorno a determinate cleavages (o fratture politiche), sorte dai processi di unificazione nazionale (il conflitto centro/periferia e quello stato/chiesa) e di industrializzazione (il conflitto città/campagna e quello imprenditori/classe operaia). Oggi queste rigide opposizioni sono inadatte a dar conto del mutamento sociale, mentre i nuovi conflitti emersi con i processi di globalizzazione e con la crisi ecologica della seconda modernità (il conflitto tra globale e locale, tra flussi e luoghi, tra crescita e sostenibilità solo per citarne alcuni) non trovano adeguata rappresentazione nello spazio politico attuale.

Si tratta quindi di articolare uno sguardo che ci aiuti a intravedere una nuova configurazione dello spazio politico, mirando ad una riconfigurazione della struttura complessiva del sistema. Si tratta dunque di sollecitare un processo di transizione, con azioni volte a:

§ costruire uno nuovo spazio pubblico socio-ambientale capace di porre il tema dell’equità e della sostenibilità in una prospettiva più ampia;

§ promuovere un’idea di cittadinanza più ampia e inclusiva;

§ promuovere un cambiamento istituzionale che individui forme costituzionali e giuridiche, e forme di partecipazione, più adeguate alle sfide che ci attendono;

§ sperimentare nuovi spazi e strumenti partecipativi che sostengano le forme di autorganizzazione locale.

Quale soggetto politico

L’idea è di dar vita ad un nuovo soggetto politico che abbia un terreno di azione sia locale che nazionale, ma che non sia un partito elettorale. Uno spazio pubblico che favorisca la partecipazione e la condivisione fra quanti sono interessati al processo di transizione del sistema attuale verso una società equa e sostenibile. Una nuova sede politica - organizzata a livello nazionale - che:

§ non si ponga l’obiettivo di partecipare alla competizione istituzionale, ovvero non miri all’occupazione dei posti di potere ma forme di azione politica autorganizzata e senza mediazioni, pur avendo come obiettivo l’influenzare le istituzioni politiche su singoli aspetti o decisioni.

§ sia di tipo trasversale, cioè coinvolga competenze e provenienze sociali e politiche differenziate, purché alternative al sistema;

§ costituisca uno spazio di relazione mirata che si attivi in particolare là dove si trovino condizioni locali già mature, e sia in grado di convogliare le necessarie competenze ove necessario, per sostenere, attraverso campagne tematiche specifiche che diffondano le buone pratiche raggiunte, quello sforzo di connessione/progettazione funzionale alla nascita di una rete ampia di punti di eccellenza politico-sociale;

§ si conquisti il proprio alone di visibilità sul campo, attraverso azioni e relazioni interpersonali e collettive, per innescare un processo di radicamento sociale e territoriale;

§ sia in grado di dare un contributo significativo alla narrazione della nuova società equa e solidale, essenziale per la ricostruzione di un immaginario collettivo condivisibile;

§ privilegiare forme di iniziativa pubblica che assumano come necessario il bisogno di produrre forme nuove dotate di una loro eccentricità, capaci cioè di dare risposte sufficienti ai bisogni del contesto, ma anche in grado di produrre un cambiamento sistemico.

Una nuova immagine/identità verso un immaginario collettivo condivisibile

Nel dibattito è emersa la consapevolezza che per la ricostruzione di un immaginario collettivo non può bastare il consumo critico, né il biologico, né le buone pratiche individuali: per accompagnare la transizione è necessaria una descrizione del mondo che parli della crisi sistemica in cui viviamo; una “narrazione” capace di raccontare un altro modo di fare economia e di immaginare una società desiderabile; che descriva e distingua l’economia proposta dalla politica della decrescita dall’economia “canaglia” attuale. Un possibile soggetto politico dovrebbe dunque mirare a mostrare che è possibile un altro tipo di economia; che si possono contenere gli sprechi, utilizzando meglio le strutture esistenti; riscoprire l’autoproduzione, la solidarietà collettiva, la regolamentazione del mercato e anche la ribellione contro le leggi che consideriamo ingiuste. Che permetta dunque, al contempo, di riappropriarsi della politica, dei propri diritti e di promuovere un senso più consapevole dell’abitare su un unico e fragile pianeta.

Perplessità emerse

Le perplessità di alcuni dei presenti su questa proposta politica non sono tanto connesse all’opportunità, o meno, di promuovere un nuovo soggetto politico (necessità ormai ampiamente riconosciuta) quanto alle difficoltà incontrate negli ultimi decenni quando si sia tentato di mettere insieme soggetti diversi con l'obiettivo di federali intorno ad un unico progetto politico, ancor più quando si è scelto (come nel caso dell'esperienza zapatista) di muoversi al di fuori della forma partito.

4. PROPOSTE OPERATIVE A TEMPI BREVI

Al termine della giornata (rivelatasi peraltro molto utile per costruire relazioni e verificare la concreta possibilità di acquisire ulteriori energie da coinvolgere nel progetto) sono stati indicati alcuni appuntamenti/percorsi:

§ relativamente alla costruzione del nuovo progetto politico si considera opportuno la produzione di un testo scritto su cui avviare un dibattito (dapprima interno ai partecipanti al seminario) per affrontarne sia gli aspetti organizzativi e che per meglio individuare i grandi temi su cui iniziare a lavorare;

§ si propone - nel frattempo - di creare un punto di coagulo (mailing list, blog, sito...?) fra tutti coloro che sono intervenuti a Firenze e fra chi altro sia interessato, per condividere contatti, documenti e letture fondanti: in altre parole il materiale che si consideri utile per attivare un dibattito pubblico su questi temi, nella consapevolezza dell'urgenza della crisi;

§ aprire all’interno delle riviste coinvolte in questo seminario - nelle forme che esse ritengano opportune ed efficaci - uno spazio di discussione sulle tematiche più significative affrontate nel seminario, a seguito del quale convocare un eventuale secondo incontro, anche con finalità costituenti.

domenica 28 giugno 2009

Anticipazioni: BOLSENA 2009!


Non c'è 2 senza 3: anche per il 2009 torneremo nello splendido spazio dell'ex-convento di Bolsena, in provincia di Viterbo.

Cominciate a segnarlo sulla vostra agenda:

2a settimana di Ottobre
3giorni, 2 notti (9 e 10 Ottobre '09)